Libri

Amo l’arte della narrazione in ogni sua forma. E combatto con ironia chi abusa del proprio potere, grande o piccolo che sia. È il senso fondativo dei miei romanzi, dei saggi con Alberto Forchielli e dell’ultimo libro – colossale e necessario – scritto insieme al magistrato Giovanni Spinosa e pubblicato da Piemme nel marzo 2022.
Presto arriverà un nuovo romanzo, dopo A capo, di tutto (2011), e Iene di carta (2014), definito da Luigi Mascheroni «divertente e furioso». Forse, non a caso, penso lo stesso del pianeta Terra e dell’essere umano.
Gli altri sono i libri che ho scritto come co-autore con Forchielli: Il potere è noioso (2016); Muovete il culo! (2018); Fuoco e fiamme (2019); e L’arte della supercazzola (2020). Tutti pubblicati da Baldini+Castoldi.

L’ultimo libro

LA FALANGE ARMATA

Storia del golpe sconosciuto che ha ridisegnato l’Italia

Una rete eversivo-terroristica di “menti raffinatissime” composta da poche decine di persone – agenti segreti, forze dell’ordine, malviventi, torbidi affaristi – a partire dalla fine del 1985 tesse le trame più nere per quasi un decennio. Inizia a seminare terrore dal 1987. Prende il nome di Falange Armata nel 1990. Quindi, con omicidi, attentati e stragi, comprese quelle del 1992 e 1993, mina le basi della Prima Repubblica e tenta di imporre una direzione autoritaria alle istituzioni, stringendo anche un’alleanza con le cosche mafiose. Perché il progetto di questo consorzio criminale non è stato contrastato dallo Stato? Mentre un’alluvione di depistaggi depotenziava gli eventi e offuscava la visione del loro concatenamento, le indagini si indirizzavano su singoli fatti delittuosi in una superata e inefficace distinzione fra criminalità, mafia ed eversione. Alla fine di una stagione di sangue – una lunga e anomala coda della strategia della tensione – la Falange può inabissarsi nelle nebbie della sua presunta evanescenza e mantenere l’anonimato dei suoi adepti, dei quali neppure uno è stato portato in giudizio. Come sarebbe stato per gli iscritti alla P2, se la loro lista non fosse mai stata casualmente scoperta. Questo libro, imponente nella meticolosa puntualità della ricostruzione storica e avvincente nello stile, è uno strumento unico per comprendere una vicenda quasi sconosciuta e mistificata che ha contribuito a edificare l’Italia di oggi.

Piemme, prima edizione marzo 2022.

GUARDA IL VIDEO RACCONTO

Gli altri libri

A capo, di tutto

Un uomo in fuga, cinque milioni di euro che cambiano la vita e la resa dei conti, inevitabile, che sancisce chi vive e chi muore. A capo, di tutto – tragico e ironico, crudo e romantico allo stesso tempo – è un romanzo noir “on the road” che accompagna il lettore in un lungo viaggio dove tragitto e meta hanno un valore coincidente, dove chi vince non è il più bravo, ma è quello che riesce a sopravvivere.

Edizioni del Girasole, 2011.

Iene di carta

Due scrittori e una pistola puntata, pronta a sparare. L’allievo, che si sente tradito, mette in scena il processo al maestro e alla ragnatela di affari che il celebrato autore ha tessuto negli anni, mentre di fronte a loro la platea, minuto dopo minuto, viene messa nella condizione di giudicare il comportamento di entrambi, le ragioni di uno e dell’altro, tra sogni e illusioni, furbizie e debolezze.
La cronaca di un duello senza ritorno diventa la precisa rappresentazione del senso del potere che vige sovente nel nostro paese.

Guaraldi, 2014.

Il potere è noioso

Accettate il consiglio. Lavorate di più e con maggiore attenzione. Pensate al futuro dei figli. Se siete giovani, sbrigatevi a emigrare. Leggete molto, soprattutto la stampa straniera. Se non sapete l’inglese imparate almeno a leggerlo. Evitate di seguire assiduamente la politica italiana, ma non perdete mai di vista ciò che succede vicino a voi. Osservate il mondo, interessatevi a tutto ciò che è nuovo, a livello di costume, consumi, prodotti e servizi. Non guardate la Tv. Sforzatevi di immaginare se esistono attività imprenditoriali che potete intraprendere anche in rete, o come secondo lavoro. Non abbiate paura di fare lavori manuali, non siate schizzinosi. Se non avete tempo o soldi per viaggiare fisicamente, fatelo sull’iPad. Non fate nessun affidamento sulla pensione. Non investite in titoli di Stato italiani. Rassegnatevi a lavorare fino a settant’anni e più. Non smettete di trombare. Cercate nella storia italiana del modelli da seguire, dimenticatevi di quello che ci circonda. E non litigate mai con un sottoposto, ma sempre con chi sta sopra di voi. Altrimenti, dove starebbe il divertimento?

Baldini & Castoldi, 2016.

Muovete il culo!

Alberto Forchielli è un economista sui generis, anticonformista e schietto. Uno che gestisce un importante fondo di private equity, profondo conoscitore del mercato cinese, uno che viene ascoltato al Congresso degli Stati Uniti come alla Silicon Valley. Uomo globalizzato dal 1980, vive girando il mondo ma è rimasto legato alla sua Italia, della quale impietosamente denuncia i difetti e il provincialismo.
In questo pamphlet agile e corrosivo vuole scuotere la generazione dei trentenni, rassegnati e letargici, aiutandoli a scegliere fra andare all’estero o restare, e in tal caso combattere per cambiare un Paese che non fa nulla per regalare un futuro ai suoi figli.
La sua analisi non fa sconti a nessuno. Alla generazione dei nostri nonni che hanno ricostruito il Paese dopo la guerra con enormi sacrifici, ha fatto seguito la generazione dei nostri padri (i coetanei di Forchielli) che hanno dilapidato i risultati del boom economico, hanno vissuto di rendita per lasciare ai trentenni oggi un’apatia da pancia piena e un generale vittimismo.
La soluzione è semplice. Darsi una mossa, recuperare la grinta dei nonni, avere la stessa «fame» dei coetanei asiatici, studiare tanto quelle materie tecniche e scientifiche che sono alla base del mondo tecnologico di domani, e soprattutto smettere di piangersi addosso e avere le idee chiare. È difficile, ma per farlo bisogna guardare l’Italia da fuori… e avere voglia di fare la rivoluzione, se si ama davvero questo nostro Paese.

Baldini+Castoldi, 2018.

Fuoco e fiamme

Come sarà il mondo da qui a trent’anni? Come cambierà la nostra vita grazie o a causa della tecnologia sempre più pervasiva? E come dobbiamo prepararci noi e i nostri figli per saper intercettare al meglio i cambiamenti già in atto ma che da noi, in Italia, arrivano sempre in ritardo?
Dopo il caustico pamphlet Muovete il culo!, Alberto Forchielli torna a scuotere le coscienze degli italiani per prepararli al mondo di domani. E lo fa con un viaggio pirotecnico nei luoghi in cui il futuro non si aspetta ma si costruisce. Un viaggio attraverso le città più innovative del mondo, passando per il MIT di Boston – dove Forchielli con il suo fondo di private equity Mandarin Capital è membro del MIT ILP (Industrial Liaison Program) e sostenitore del Deshpande Center for Technological Innovation – poi in California, tra Stanford e la Singularity University, e la Cina con la sua potenza economica e tecnologica debordante. Un viaggio che sembra Blade Runner, per certi aspetti, ma è già realtà: in cui il Dna servirà non solo a riparare i corpi ma come hard disk millenario; in cui l’intelligenza artificiale controllerà case, città e il modo di fare banca; in cui la stampa 3D ci permetterà di avere il vestito desiderato fatto al momento in negozio; o in cui potremo agire a distanza pilotando un nostro avatar-robot. Un viaggio, infine, in cui non solo la geopolitica del mondo sarà diversa, ma l’uomo stesso non sarà più un semplice uomo, ma grazie a interfacce neurali potrà aumentare le facoltà della sua mente, o in cui i nanorobot cureranno ogni malattia a livello cellulare e potenzieranno i nostri organi.
Tutto ciò è già realtà che si sta preparando nei migliori centri di ricerca del mondo, e non serve a stupire con effetti speciali, ma a far capire che bisogna prepararsi per essere all’altezza delle competenze tecnologiche e non solo che richiederà il lavoro di domani. Altrimenti si rischia di essere lasciati in un angolo, e a quel punto lamentarsi non servirà a nulla.

Baldini+Castoldi, 2019.

L’arte della supercazzola

Per una leadership senza contenuti, la supercazzola diventa l’unica via. La frase fatta come eterno strumento di bugia seriale da non mantenere, con la classe politica italiana attuale che – tranne rarissime eccezioni – dal premier ai ministri fino ai portavoce e portaborse di vario genere, insieme alla relativa pletora di consulenti e dirigenti al loro soldo, tra impreparazione o perseguimento del solo interesse “poltronistico” personale, naviga a vista e la loro unica speranza, bugia dopo bugia, è quella di confidare sulla memoria corta e/o l’indifferenza dei cittadini. Quindi un libro sull’arte della supercazzola scritto dai paladini del Muoviculismo si pone oggi il diritto-dovere di palesarsi come un manuale-manifesto di azione-reazione, perché è inimmaginabile poter stare su un qualunque mercato – banalmente anche quello della vita stessa – senza saper “leggere” una supercazzola e interpretarla per quello che è. E vi offre istruzioni operative per “annusarla”, riconoscerla, smarcarsi da lei, giocare d’anticipo e, con rinnovato vigore, rilanciarla.

Baldini+Castoldi, 2020.