Libri - Il potere è noioso

Il potere è noiosoIl mondo globalizzato raccontato dal più anarchico degli economisti

Alberto Forchielli con Michele Mengoli

Il potere è noioso

Un libro che non ti aspetti da un economista conosciuto in tutto il mondo, consulente di governi e della Banca Mondiale, una delle massime autorità occidentali in materia di questioni asiatiche. Forchielli rappresenta il respiro più internazionale della nostra Italia economica. Un uomo che ama la libertà di dire quello che pensa più del potere, e che attraverso un linguaggio originale e politicamente scorretto ha un seguito da vera e propria «rockstar» sui social. Il libro è suddiviso in due parti. La prima, sull’Italia di ieri e di oggi, è l’autobiografia viscerale dei suoi primi sessant’anni di vita: un racconto senza segreti, che si mescola alla storia contemporanea del nostro Paese, che dal boom economico, ossia da quando eravamo noi i cinesi d’Occidente, «non ha il coraggio di stare male per stare bene», tra criminalità e giustizia, potere e politica, corruzione, clientelismo e burocrazia. La seconda parte è invece un quadro inedito sui tempi attuali, partendo dalla «nonna Europa» e dalla «normalmente eccezionale» America e arrivando, senza dimenticare un’analisi spietata a livello globale della finanza e del fisco non armonizzato, all’Asia vista in chiave geopolitica ed economica e, infine, la previsione di cosa accadrà nel mondo nei prossimi vent’anni.

Il potere è noioso

Baldini & Castoldi, 2016.

In libreria e su Amazon









 

 

 

QUI L’IMPERDIBILE BOOKTRAILER


Cosa c’entro io con Alberto Forchielli è spiegato all’inizio del libro.

PREFAZIONE. COME UN FUNGO IN CANTINA
di Michele Mengoli

Questo libro è cresciuto come un fungo in cantina, per usare una definizione di Alberto Forchielli. Una sintesi perfetta, che definisce la strana genesi di un volume nato da una conversazione lunga più di due anni, alimentata dalla sua infinita pazienza di darmi udienza e dalla mia costanza nello stargli addosso, tant’è che per lui sono diventato Herpes. «Ciao Herpes, un abbraccio», mi dice al telefono, prima di riattaccare. Insieme, nella sua tenuta di Monte Catone, abbiamo anche mangiato il friggione, ma quasi sempre abbiamo parlato al telefono, una o due volte alla settimana mentre lui, come al solito, faceva il pendolare fra tre continenti.
Come un fungo in cantina. Tutto è partito da un articolo che ho scritto su di lui nel mio blog. Non lo conoscevo di persona, ma era da un po’ di tempo che avevo la «fissa» per Alberto Forchielli. È nato anche lui a Bologna – tra l’altro a dicembre, come me – e quando lo vedevo in tv mi sembrava ispirato da principi sani, concreti, antitetici rispetto alla maggior parte degli altri ospiti negli approfondimenti di prima e seconda serata. A pelle mi piacciono le persone come lui, che hanno un profilo professionale esplosivo ma che non si atteggiano a «sboroni», come si dice sotto i portici della nostra città natale.
«Che i politici non tocchino i soldi, perché se li sputtanano tutti un’altra volta. L’Italia è come un figlio drogato: più soldi gli dai e più li spende. Accumula debiti e non succede un cazzo. Sì ai soldi alle imprese, ai lavoratori, però direttamente senza l’intermediazione dello Stato». Roberto Formigoni tenta di intervenire, ma Forchielli lo zittisce: «Per l’amor di Dio, fuori le mani dalla cassa, Formigoni. A me non me ne frega un cazzo dei tuoi rinvii a giudizio, va’ a fare delle pugnette, ma non mettere le mani sulla cassa!» Questo accadeva a Piazza Pulita, su La7, e ovviamente mi ha lasciato secco. Non potevo crederci.
E nemmeno il politico di turno. Non ha potuto fare altro che incassare, perché le parolacce erano un intercalare tra argomentazioni ineccepibili. Quando non sono veri e propri lampi degni del miglior Flaiano, come questo: «I nostri imprenditori sono così abituati a nuotare nella merda che se messi in piscina vanno come un pesce siluro». O quest’altro: «Io non sono un talento, sono un vecchio arnese, un piede di porco al massimo».
Su Facebook, la pagina pubblica del vecchio arnese, del piede di porco, ha oltre seicentomila «Mi piace», che per un uomo di economia, esperto di questioni internazionali, è il segno di un
successo colossale, da rockstar.
E a leggere post come questo:

Lunedì scorso sono andato a Roma in auto, facendo la E45, e sono arrivato incazzato come una bestia con quei pirla di politici che hanno contratto 133% di debito/Pil e c’hanno lasciato un’Italia peggio del Nord Africa a giudicare dallo stato della E45, che sembra la Parigi-Dakar.

o questo:

I nostri imprenditori, manager, intellettuali quando vanno all’estero fanno bene, perché in patria subiscono le peggiori vessazioni e devono superare gli ostacoli più impervi. Per questo godono di un’immensa stima all’estero, magra consolazione, ma va tenuta presente. Questo spiega anche perché ci sono tanti italiani in posizioni di vertice delle grandi multinazionali e tanti professori italiani importanti nelle università straniere. Lo stesso dicasi per tanti immigrati italiani che partendo dal fondo della scala sociale hanno saputo emergere con fatica e dignità negli Usa, in Canada, Australia, ecc. Ho sempre pensato che il contesto istituzionale italiano dominato da burocrati, mafiosi, politici, massoni che rappresentano una piccola parte della popolazione italiana abbia sempre vessato la maggioranza di noi. Se mi chiedete se in Italia c’è democrazia vi rispondo di no. Non so che farmene di una democrazia che lascia solo il permesso di lamentarsi, ma a mala pena quello di poter operare in un contesto di giustizia, libertà e meritocrazia.

si capisce bene il perché.

Alberto Forchielli, oltre a essere un imprenditore, un esperto di geopolitica ed economia, è una delle massime autorità mondiali in materia di questioni asiatiche, nonché il fondatore del Mandarin Capital Partners, un fondo d’investimento che annovera importanti investitori istituzionali cinesi. E sempre sulla sua pagina Facebook potrebbe capitarvi di leggere status come questo:

I cinesi vogliono esportare la loro mancanza di etica, vogliono imporre al resto del mondo la loro assenza di regole. I cinesi portano con sé delinquenza, corruzione e disprezzo per la dignità umana. Vedi Prato: fanno un macello e mandano a casa tutti i soldi… Che rimane a Prato? Nulla… In Cina non esiste lo stato di diritto: ti stringono la mano e poi t’inculano.

Ecco, dopo aver letto quest’ultimo commento, mi sono deciso e ho pubblicato sul mio blog una panoramica su Alberto Forchielli e l’ho condivisa sui miei profili social. Quasi immediatamente lui mi ha scritto in chat, mezz’ora dopo eravamo al telefono, io sul divano di casa mia e lui in prima classe sul treno Milano-Bologna di ritorno verso la collina imolese, nei pochi giorni che nel 2014 ha trascorso in Italia. Da quella chiacchierata è nata l’intervista pubblicata il 7 aprile sul mio sito e sulle rispettive pagine social. A fine intervista, quando gli chiesi come si definiva, mi disse di amare la libertà più del potere, la libertà di dire quello che pensa, anche utilizzando il turpiloquio. Il potere, insomma, lo annoiava terribilmente.
Non rivelò però perché il potere lo annoiasse tanto, e il giorno dopo i suoi fan lo bombardarono di messaggi. Non aver fornito una spiegazione ulteriore scatenò una miriade di richieste di approfondire l’argomento. Quindi Alberto mi chiamò per concedere il bis.
«Il potere ti obbliga a fare cose che non avresti mai fatto. Il potere toglie la libertà al potente. Se parliamo di manager e politici sono potenti fino a un certo punto perché hanno sempre qualcuno a cui rendere conto. Comunque è una questione di etica. Il potere, espressione sia del settore pubblico sia di quello privato, significa responsabilità nei confronti della società civile. La posizione ti costringe a dare il buon esempio. La regola del potere è che va bene quando non devi vendere l’anima per arrivarci. Devi accettare solo quando non puoi dire di no.»
Dopo questa risposta capii che c’erano materiale in abbondanza e tanti temi caldi da sviscerare insieme a lui.
Come un fungo in cantina. Dopo quelle prime due interviste sono seguite un’infinità di conversazioni, centocinquanta in tutto, un percorso a puntate durato due anni abbondanti, fino a poche settimane prima della pubblicazione di questo libro.
Alberto ha parlato del suo lavoro e della sua vita privata, di politica italiana, di geopolitica mondiale, di economia e finanza, dal macro al micro, di globalizzazione, di papa Francesco, di Unione Europea, Asia e di America, del Nord, del Centro e del Sud, di terrorismo e della storia d’Italia, dal Novecento a oggi. Commentando l’attualità ha riso e si è infuriato – urlando a squarciagola al telefono, per fortuna non contro il sottoscritto ma, soprattutto, contro lo stato di salute del nostro Paese e dell’Europa – spiegando per filo e per segno come siamo riusciti a fare questa fine scalcinata; abbiamo ricordato eroi dimenticati, grandi italiani di una piccola Italia; ha dato consigli ai giovani, a tutto campo, dall’alto e dal basso, dai bio-scienziati ai «ciappinari», «perché provare a essere felici dovrebbe essere un diritto trasversale nell’utopica attesa che possa diventare universale.» A suo modo, ha cercato di suonare la sveglia alle coscienze addormentate, di scuotere gli indifferenti. E in tutto questo turbinio non si è mai tirato indietro. Non mi ha mai chiesto di non parlare di Tizio o di Caio perché poteva essere sconveniente o pericoloso. E quando arriverete in fondo al libro vi renderete conto, pagina dopo pagina, del peso delle sue parole, di quanto possa «spostare», nella quotidianità degli affari, avere certe persone come amiche o come nemiche, almeno per un uomo normale. Aspetti che invece a Forchielli – che normale non è – non hanno mai fatto né caldo né freddo. Quindi, in tutta franchezza, chapeau.
Per l’amor di Dio, in questi due anni non abbiamo salvato vite, le operazioni a cuore aperto le abbiamo lasciate ai cardiochirurghi, e abbiamo anche giocato parecchio. Così, per esempio, ho scoperto quando ha fatto l’amore per la prima volta (l’11 settembre del 1971) e anche dove (nella Fiat 124 Special 1400 color nocciola del suo fattore Gianni). E mi ha fatto morire dal ridere decine di volte.
Sempre con il filo conduttore della sua visione non istituzionale, nell’esercizio costante della pratica opposta alla consuetudine, molto diffusa in Italia, di essere forti con i deboli e deboli con i forti. E mai sottovoce, come auspicherebbe Marzullo, perché quando si infervora lui urla fino a perdere la voce.
Il 20 marzo 2015 gli ho annunciato: «Alberto, oggi facciamo cento telefonate.»
«Scusa, in che senso?»
«Sì, siamo arrivati alla centesima…»
«Cazzo, nell’ultimo anno ho parlato più con te che con i miei collaboratori più stretti. Non ci posso credere. Ecco perché non ti sopporto più!»
«Smettila, dai, è evidente che ormai non puoi più farne a
meno…»
«Michelaccio, all’inizio era anche piacevole, lo ammetto. Ma adesso è come andare dal dentista. Sono contento solo quando mi dici che hai finito!»
Come un fungo in cantina. Un po’ scherzava sul fatto di non poterne più ma un fondo di verità c’era. Allora perché siamo andati avanti per così tanto? Perché la vita è proprio strana. Prendi quella volta che Alberto si è comprato l’Atala (la fabbrica, non la bici). Lui vive in Lussemburgo dove lavora alla Banca Europea. Lì si annoia e allora si mette a girare per il Granducato in bicicletta. Si appassiona, diventa una mania e decide di comprarsi l’Atala. I componenti li acquista in Cina. Diventa un esperto di Cina. Capisce che c’è spazio per fare un private equity tra Cina ed Europa. Vende l’Atala ai turchi e trova banche di mezzo mondo che si fidano di lui e parte il Mandarin. Tutto nasce per caso. Coincidenze che innescano competenze che si mischiano all’esperienza sul campo e all’intuito.
Un po’ come è capitato tra noi. Ho scritto su Alberto, lui mi ha mandato un messaggio, poi sono cominciate le telefonate. Ci siamo annusati e piaciuti. Ed è venuta fuori questa incredibile conversazione lunga più di due anni e larga tutti i giri intorno al mondo che ha fatto nel frattempo.
Come un fungo in cantina è nata l’idea di farne un libro. Che parlasse di Alberto Forchielli ma più di ogni altra cosa di ciò che ha visto e vede, in Italia e nel mondo, unendo passato, presente e futuro. Tra privato e pubblico. Con ironia ma anche il coraggio di dire verità scomode. Che rendesse il senso dell’amore che prova per l’Italia e l’odio che gli monta per come è stata ridotta. E avesse il suo respiro internazionale, originale, politicamente scorretto.
«Che ne dici?» gli ho domandato dopo qualche telefonata. «Sarebbe bello ma non ho tempo. Faccio cinquecentomila miglia all’anno in aereo», ha risposto lui. «Però», ha aggiunto subito dopo, «andiamo avanti a chiacchierare di tutto quello che ci viene in mente, e magari un libro ne esce senza che ce ne accorgiamo neppure».
E così è stato. Sembra quasi che il destino ci abbia messo lo zampino. Gliel’ho anche chiesto, ad Alberto. Credi alle cose che devono accadere? «Credo nella serendipità, presto grande attenzione alle piccole cose che sembrano succedere per caso. Credo nell’intuizione, nello scoprire qualcosa che non si stava cercando, nelle opportunità dovute al caso ma anche allo spirito acuto e alla capacità di osservazione. E poi sono molto superstizioso, peggio delle corna di Berlusconi, sono sempre con i maroni tra le mani. Credo nella serendipità e anche nel Feng shui.»
Ecco, mai mi sarei immaginato un omone come Forchielli appassionato di Feng shui, antica arte orientale, di origine cinese, che si propone di supportare l’architettura tradizionale nella progettazione delle abitazioni e nella scelta dei mobili per l’arredamento.
«Mi sono accorto che in certe stanze d’albergo, magari brutte, dormo da Dio, mentre in altre, faraoniche, non chiudo occhio. Adesso, se non ho l’okay del maestro di Feng shui, non ci dormo in una camera. Col maestro faccio le cerimonie. Nelle mie case spendo più in Feng shui che in architetti, anche perché i maestri sono cari ammazzati. In Asia ci sono grattacieli abbandonati perché non andavano bene per il Feng shui. La gente buca i muri, apre porte, chiude finestre. E i benefici li ho riscontrati sulla mia pelle. Il Feng shui non riguarda solo la casa. Ogni direzione ha una relazione con un aspetto della vita: famiglia, figli, felicità, amicizia,
lavoro, eccetera. Quando compro un’azienda o faccio una start up chiamo il maestro di Feng shui per studiare tutto. Michele, a proposito, devo far vedere al maestro la tua foto perché mi sa che porti una sfiga nera!»
La mia foto l’ha voluta davvero. Gliel’ho mandata per mail, temendo cosa avrebbe sentenziato l’esperto. E nemmeno due ore dopo la risposta è stata questa. «Mi ha già detto: “Apre le porte del paradiso!”».
È stata una serendipità, oppure merito del Feng shui, di Alberto o del sottoscritto, che apre le porte del paradiso? Non saprei, sta di fatto che adesso il fungo cresciuto in cantina è pronto da mangiare. E posso dire che allevarlo è stato un privilegio perché nel frattempo ho avuto modo di conoscere una persona davvero speciale. Ora tocca a voi.
Buona lettura.